giovedì 22 febbraio 2018

Milan Fashion Week Fall 2018 street style








So Cool It Hurts: New York Fashion Week Street Style - HarpersBAZAAR.com

NYFW Outfits we LOVE: Try bold striped suiting like Camila Coelho.



Golden Goose Pre-Fall 2018 Lookbook - The Impression

Пальто из шерсти на шелковой подкладе  Размер S-М   цена 25000₽. Шерстяные брюки, размер М  Цена 13000₽ в наличии  от SVALE.   Данные изделия мы можем выполнить для Вас, в размере который вам нужен🌼.  У нас работает услуга выездная примерка   тел.89689790253   Звонки: Whatsupp, viber, direct

Street style Milan : les idées mode à adopter dès maintenant

Style Memos

They Are Wearing: Milan Fashion Week - Slideshow via WWD





















Fantasy parody





Nessun testo alternativo automatico disponibile.


mercoledì 21 febbraio 2018

Albero genealogico degli dei nordici

Risultati immagini per odin family tree norse mythology

Norse Gods Family Tree by humon

Norse Mythology, also known as the Scandinavian mythology, is a body of myths of the North Germanic people. Norse mythology names are listed here to choose for your newborn.

Norse Gods (Æsir) this is the best on I have seen!

La Regina Elisabetta II per la prima volta a una sfilata di moda



Appare piuttosto perplessa e confusa Sua Maestà nel presenziare, per la prima volta nel suo lunghissimo regno, ad una sfilata di moda, a fianco di una poco rispettosa Anna Wintour, che rifiuta di togliersi gli occhiali da sole persino in presenza della sovrana, come richiederebbe l'etichetta.
La presenza della novantunenne Regina del Regno Unito alla London Fashion Week per l'autunno-inverno 2018/19 è un'assoluta novità, introdotta da un'iniziativa di sua nuora, la Contessa del Wessex, moglie del Principe Edoardo, che ha istituito il Queen Elizabeth II Award for British Design.  
Richard Quinn, il premiato, è un giovane talento “britannico” di 26 anni. Si è diplomato alla Central St. Martins nel 2016 e ha vinto l’ultimo H&M Design Award, premio che ormai da anni supporta il talento di giovani designer. Fa sorridere l’assonanza del suo cognome con “queen”, regina. Buckingham Palace lunedi 19 ha organizzato un banchetto per celebrare questa prima edizione del premio. C’erano Kate Middleton e naturalmente la contessa Sophie di Wessex.

Orchi, Ogres, Goblin, Troll e altre creature

Risultati immagini per politically incorrect 4chan
Risultati immagini per 4chan flagf bearers ogre

Risultati immagini per 4chan flag bearers meme

Nel folclore e nelle fiabe dei paesi europei, specialmente nordici, gli orchi (ogre in inglese) sono mostri antropomorfi giganteschi, crudeli e divoratori di carne umana.
L'orco del folclore è correlato a quello della mitologia germanica (orc in inglese); non sempre è possibile distinguere chiaramente queste due figure, sebbene l'orco della mitologia sia in generale un essere descritto come più simile a una bestia o a un demone. Gli orchi nel fantasy sono talvolta ispirati alla figura dell'orco del folclore (per esempio gli orchi di Piers Anthony), e talvolta a quella dell'orco della mitologia (gli orchi di J. R. R. Tolkien); in alcuni casi, fanno riferimento a elementi tipici di entrambe queste figure.

L'orco classico

L'orco del folclore e delle fiabe deriva certamente dall'Orco della mitologia romana, sovrano del Regno degli Inferi e divoratore di uomini insieme al suo mostruoso cane Cerbero. L'uso del termine "orco" per designare un mostro divoratore di uomini è documentato in italiano fino dal XIII secolo; lo usano, tra gli altri, Jacomo Tolomei (1290) [orco... mangia li garzone], Fazio degli Uberti (1367), Luigi Pulci, e Ludovico AriostoRistoro Canigiani (1363) ne parla esplicitamente come di uno spauracchio dei bambini. Nello stesso periodo, alcuni autori usano ancora il termine per riferirsi all'Orco romano (per esempio Guido da Pisa e Boccaccio)[1].
È possibile che la figura dell'orco sia approdata in Europa proprio dall'Italia; lo testimonierebbe anche la probabile derivazione etimologica dall'italiano di molti termini europei (per esempio l'antico inglese orke, testimoniato nel 1656)[2].

L'orco di Perrault

Probabilmente traendo spunto dalla tradizione italiana (per esempio dall'uerco de Lo cunto de li cunti di Giambattista Basile1634), Charles Perrault introdusse alla fine del XVII secolo il prototipo di quello che sarebbe poi diventato l'orco tradizionale delle fiabe. Si tratta di un uomo gigantesco, dall'aspetto di un bruto (spesso rappresentato come peloso, muscoloso, barbuto e con il ventre prominente), non raramente armato di un pesante bastone. Caratteristica correlata è la stupidità, che spesso è ciò di cui l'eroe della storia si avvantaggia per sconfiggere l'orco. In alcune varianti, gli orchi sono in grado di mutare forma. Vivono spesso in palazzi o castelli sperduti, ma anche in grotte e paludi. Nelle fiabe, l'orco è spesso il guardiano di una principessa prigioniera, oppure tiene in schiavitù o divora bambini.

Orchi derivati

Molti personaggi delle fiabe, pur non essendo esplicitamente descritti come orchi, ne riproducono diversi elementi tipici; due esempi celebri sono Mangiafuoco di Pinocchio (che schiavizza le marionette e, metaforicamente, i bambini) e Barbablù.

Usi metaforici del termine

Per estensione, il termine orco si applica a persone disgustose o volgari con un temperamento violento, specialmente quando tale violenza è diretta verso donne o bambini. È in questo senso, per esempio, che Daniel Pennac usa metaforicamente il termine nel romanzo Il paradiso degli orchi (Au bonheur des ogres1985). L'associazione fra gli orchi e la violenza contro i bambini fa sì che il termine "orco" sia anche usato, per esempio in ambito giornalistico, per indicare persone che si macchiano di reati di pedofilia.

Orchi moderni

Un esempio ben noto di orco nella cinematografia moderna è Shrek, un personaggio che viene utilizzato per ribaltare parodisticamente molti degli elementi della tradizione fiabesca (per esempio, avviene un curioso scambio di ruoli fra l'orco e il principe azzurro). Inoltre, in quasi tutte le campagne di The Battle for Wesnoth, gli orchi sono la principale razza nemica.

Nella letteratura fantastica gli orchi sono creature malvagie, simile a uomini, ma con connotazioni bestiali e non raramente demoniache. L'esempio più celebre di orco della narrativa fantasy (e l'ispirazione di molte altre varianti) sono quelli che compaiono nelle opere di J. R. R. Tolkien, ispirati agli orchi della mitologia germanica e in particolare a quelli del Beowulf. Molte opere fantasy riprendono sostanzialmente il modello di Tolkien; altre si rifanno anche, in qualche misura, alla tradizione folcloristica degli orchi delle fiabe, ben diversi da quelli di Tolkien (in inglese si usano infatti due parole diverse per l'orco di Tolkien e del Beowulf, orc, e per l'orco delle fiabe, ogre; per riprodurre questa distinzione alcune traduzioni de Il Signore degli Anelli riportano come "orchetto" il termine usato da Tolkien).

Bert the troll, by Daarken for the game The Hobbit: Battle of Five Armies

Gli orchi (orchetti) di Tolkien

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Orchi della Terra di Mezzo.

Un orco di Mordor.
Nei romanzi di Tolkien, gli orchi sono descritti come esseri antropomorfi, più bassi degli Uomini, orribilmente deformi, sudici; hanno le gambe arcuate e sono forzuti ma impacciati. Sono creature malvagie e miserabili, capaci solo di distruggere. Gli orchi sono usati come "carne da battaglia" da entrambi i cattivi de Il Signore degli AnelliSauron e Saruman.
Ne Lo Hobbit, gli orchi sono chiamati goblin, sebbene Gandalf descriva le Montagne Grigie come infestate da "goblin e orchetti". All'epoca, Tolkien non aveva ancora deciso che "Lo Hobbit" fosse ambientato nella stessa Terra di Mezzo di cui aveva già scritto molto ne Il Silmarillion.

Gli orchi in altre ambientazioni fantasy

Dopo la pubblicazione de Il Signore degli Anelli, creature chiamate "orchi" sono apparse in una quantità di opere della letteratura fantasy, nonché in filmgiochi di ruolovideogiochi e così via. Queste fonti spesso riprendono la figura generale degli orchi di Tolkien, oppure fanno riferimento anche agli orchi delle fiabe. Non raramente, queste opere distinguono goblin e orchi, pur descrivendoli come razze simili e talvolta imparentate. Simili legami di parentela (o di collaborazione) vengono talvolta stabiliti fra orchi e altre razze mitologiche simili, come i troll.
Vanno anche citati i casi di opere letterarie che descrivono razze o popoli chiaramente derivate dagli orchi di Tolkien, ma che vengono identificati con nomi e tratti fisici differenti, con lo scopo spesso evidentemente deliberato di non "riprodurre" troppo fedelmente l'immaginario tolkieniano. Possono essere visti in questa luce, per esempio, gli gnomi del ciclo di Shannara.

Caratteristiche particolari

In molti casi, gli orchi della fantasy hanno volti con tratti suini, sebbene questo elemento non appaia in alcun modo nelle opere di Tolkien né nella tradizione popolare europea. Questa caratterizzazione potrebbe derivare dall'associazione degli orchi con l'idea di "bestialità" e "volgarità", da un riferimento agli orchi dell'Orlando Furioso, o semplicemente dall'assonanza fra le parole inglesi orc e pork (maiale).
Altro elemento ricorrente negli orchi della fantasy, anche questo non derivabile dalla tradizione popolare né tolkieniana, è la pelle verde che caratterizza, tra gli altri, gli orchi di Warcraft e l'orco fiabesco moderno Shrek. La pelle degli orchi di Tolkien variava invece dal giallo pallido (come quella degli gnomi di Shannara) al nero. Alla pelle verde si associano tratti somatici molto grossolani e, anche questo molto frequentemente, canini sporgenti.
Infine, in molti casi le società degli orchi sono rappresentate come tribali. Anche questa idea si può ricondurre a Tolkien (in cui gli orchi appaiono spesso come soldati di un esercito, non membri di una società in senso stretto ma comunque membri di bande diverse che necessitano di adottare la lingua corrente per comunicare tra loro, vedi il capitolo finale delle due torri) ma non alla tradizione, che li vuole normalmente solitari.

Narrativa

L'Ultimo Orco e Gli ultimi incantesimi

In questi due romanzi di Silvana de Mari, gli Orchi sono descritti come creature molto simili agli uomini, a volte addirittura belli, ma con differenti capacità. Gli Orchi infatti non sentono il dolore, sono capaci di vedere il futuro e sono eccellenti strateghi militari, ma fanno fatica ad esprimersi ed imparano molto tardi a parlare. Possono essere molto grossi, dai 2 metri in su, o di media grandezza; come caratteristica fisica comune hanno le mani molto corte e larghe, quadrate.

The Killing Spirit

Gli orchi ricoprono il ruolo di protagonisti nel romanzo fantasy The Killing Spirit di Sean-Michael Argo. Sebbene simili agli orchi di Tolkien (in particolare per quanto riguarda la tendenza alla crudeltà e alla brutalità) gli orchi di Argo sono rappresentati come creature intelligenti e capaci di usare la magia.

Orchi

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Orchi (trilogia).
In questa trilogia di romanzi dell'inglese Stan Nicholls, gli orchi sono guerrieri ovipari che combattono in battaglia come unità di marine. Sono inoltre i protagonisti, gli ultimi difensori di un mondo fatato aggredito e colonizzato dalla spietatezza degli umani, che hanno sterminato Elfi e Nani.

Giochi e videogiochi

Dungeons & Dragons

Nel gioco di ruolo Dungeons & Dragons, gli orchi sono generalmente rappresentati come una variante quasi parodistica degli esseri umani: crudeli, brutali, primitivi e tribali; adorano il dio Gruumsh. Hanno la pelle verde, talvolta grigia o marrone.
Le prime versioni del gioco rappresentavano gli orchi con musi porcini; inoltre, erano descritti come esseri prolifici, dalla vita breve, strettamente correlati sia agli uomini che agli ogre e capaci di incrociarsi con entrambe le razze. Secondo un passaggio dal "Manuale dei Mostri" del gioco, "gli Orchi hanno la reputazione di essere crudeli, e lo meritano; ma gli uomini sono altrettanto capaci di malvagità".
Forgotten Realms
Nell'ambientazione Forgotten Realms per Dungeons & Dragons, gli orchi si dividono in orchi del nord (o orchi di montagna) e orchi dell'est. Nella storia del mondo di Forgotten Realms, gli orchi sono arrivati nel mondo di Mulhorandattraverso un portale aperto da un mago. Questa storia sembra essere servita da ispirazione per il videogioco Warcraft. Anche in questo caso gli orchi (in particolare quelli del nord) hanno una società tribale; la loro pelle è grigia.
Eberron[
Nell'ambientazione Eberron gli orchi vengono presentati in una luce più positiva; sono inclini alla spiritualità e all'adorazione della natura, e depositari di arti druidiche (tutte caratteristiche più comunemente associate agli Elfi).
Mystara
Nell'ambientazione Mystara gli orchi, insieme ad orchetti, goblin ed altre razze simili, sono i discendenti di una razza primigena (beastmen), soggetta a notevoli mutazioni tra una generazione e l'altra, creata dagli Immortali entropici, in cui venivano fatte reincarnare le anime degli esseri malvagi. Con il passare del tempo la razza originale si suddivise nelle varie razze di "umanoidi" che popolano l'ambientazione. A queste creature, rese interpretabili come PG, è stato dedicato un modulo di espansione intitolato Gli Orchetti di Thar dal nome di un re orchesco[1].

Earthdawn e Shadowrun

Nei giochi di ruolo Earthdawn e Shadowrun, gli orchi non sono necessariamente malvagi. Shadowrun, in particolare, ambientato in una Terra futura e trasformata da un drammatico cataclisma genetico, li descrive come discendenti degli esseri umani (o metaumani), e come appartenenti alla specie homo sapiens robustus. Crescono molto più rapidamente degli esseri umani, e sono più prolifici; ma la loro vita è altrettanto breve. Sono più forzuti degli uomini, ma anche (leggermente) meno intelligenti. In Earthdawn (una supposta terra passata di Shadowrun) gli orchi sono spesso discriminati ed in passato schiavizzati dalle altre razze, ma sono un popolo fiero e pieno di rabbia, dalla breve vita rispetto agli umani, e che cerca di vivere sempre 'ai limiti'. Il sogno di un orco di Earthdawn è di morire in un modo che lo faccia ricordare con ammirazione. Non sono malvagi, solo dotati di vitalità 'animale'.

Warhammer


Un orco di Warhammer.
Gli orchi sono presenti in tutti i giochi della serie Warhammer, sia in quelli con la tradizionale ambientazione fantasy che nella versione fantascientifica del gioco, Warhammer 40000. Sono più alti e più robusti degli umani; hanno gambe corte e braccia lunghe, e grandi teste prive di collo. La loro pelle è verde e coriacea per alcuni, per altri ciò che li rende verdi è un fitto manto di peli.
Non sono molto intelligenti, ma possono essere astuti. Adorano due dei di nome Gork e Mork, e sono ossessionati dalla guerra, che costituisce il valore centrale della loro società. Tendono ad allearsi con i goblin, ma in genere questi ultimi tendono a concludere la loro alleanza nel ruolo di scudi umani, schiavi o addirittura cibo.

Confrontation

Nel gioco di miniature Confrontation gli orchi sono degli umanoidi dalla eccezionale forza fisica. Hanno la pelle verde. La specie è stata creata artificialmente e magicamente partendo dai Goblin allo scopo di ottenere dei guerrieri formidabili. Sono descritti come pacifici ma fieri guerrieri che combattono per difendere la propria terra. La loro cultura è per certi aspetti simile a quella delle civiltà pre-colombiane del nord america.

Warcraft

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Orchi (Warcraft).

Orchi di Warcraft, illustrazione di Lucas Salcedo.
Nell'universo della serie di videogiochi di Warcraft (di cui sono probabilmente l'esempio più famoso di orco), gli orchi sono una nobile ma selvaggia razza giunta nel mondo di Azeroth dal remoto pianeta di Draenor attraverso un portale magico. Riuniti nell'Orda assieme a trolltauren e altre razze, gli orchi di Warcraft sono in perenne conflitto con le razze dell'Alleanza (fra cui umanialti elfi e nani).
Gli orchi di Warcraft si ispirano chiaramente alla tradizione di Dungeons & Dragons e Warhammer: sono più alti di un umano (circa 2m), molto robusti e con braccia muscolose, hanno larghi nasi e canini inferiori prominenti che diventano vere e proprie zanne. In origine la loro pelle era marrone, ma a causa del loro contatto con le energie demoniache (in particolare dopo l'ingerimento del sangue di Mannoroth) la pelle incominciò a cambiare nel classico colore verde. Difatti gli Orchi di Draenor sono identificabili dalla pelle marrone, quelli di Azeroth (o più comunemente quelli corrotti dalle energie demoniache) dalla pelle verde. Esistono altre due varianti di Orchi: quelli con la pelle griogioverde, nascostisi dalle rappresaglie dell'Alleanza nelle caverne nei pressi della catena montuosa di Blackrock e quelli con la pelle rossa, i cosiddetti "Fel Orc" (Vilorchi nella traduzione italiana del gioco). Questi orchi hanno la pelle rossa, escoriazioni simili a placche ossee che si sviluppano sugli arti e sulla schiena e canini molto più lunghi e affilati. I "Fel Orc" sono orchi che sono stati completamente corrotti dalle energie demoniache e si trovano soprattutto nelle Outland.
In Warcraft gli orchi, pur essendo di indole selvaggia e aggressiva, vengono rappresentati come un popolo fiero, orgoglioso e non malvagio. Sono una razza facilmente controllabile tramite le emozioni, difatti nella loro storia i demoni sono riusciti a corromperli, facendoli diventare i classici orchi terribili, violenti e crudeli. Tuttavia il giocatore quando sceglie di impersonare un orco gioca un personaggio eroico e buono quanto lo può essere un umano, un nano o un elfo.

Final Fantasy XI

Nell'MMORPG Final Fantasy XI, gli orchi sono una razza tribale, creata dal dio Promathia al fine di dare guerra agli umani di Vana'diel. Come avviene per molti altri orchi di universi fantasy, sono brutali e selvaggi, e la loro cultura è incentrata sulla violenza.

Utopia

Nel gioco strategico web-based Utopia, gli orchi sono una delle 8 razze disponibili. Sono una razza distruttiva, forti in battaglia ma deboli nella magia e nel furto. Essendo il gioco basato su testo, non esistono descrizioni visive degli orchi.

La serie di Elder Scrolls

Nei videogiochi della serie di Elder Scrolls, gli orchi sono creature barbariche, quasi bestiali, caratterizzati da un coraggio insuperabile in battaglia e da una sovrumana resistenza alla fatica. Un tempo detestati, sono in seguito entrati a pieno titolo nelle Legioni dell'Impero, di cui costituiscono la prima linea. A dispetto del loro aspetto sono intelligenti, generosi e dotati di un grande senso dell'onore e dell'uguaglianza.

Arcanum

Nel videogioco di ruolo Arcanum, caratterizzato da una peculiare ambientazione fantasy moderna, gli orchi sono discendenti dei primi esseri umani; sono barbarici, forti e coraggiosi, ma di vita breve. Dopo la Rivoluzione Industriale, molti di loro si sono trasferiti nelle città, dove sono soprattutto impiegati come operai. Sono considerati meno intelligenti degli umani, ma il gioco suggerisce che possa trattarsi di un fatto legato al loro ruolo marginale nella società e all'impossibilità di ricevere un'adeguata istruzione.

Ragnarok Online

Nell'MMORPG Ragnarok Online, gli orchi sono una razza malvagia e ostile che talvolta attacca i giocatori. La loro pelle varia dal grigio al verde e sono più grossi degli umani. Esistono numerosi tipi di orchi (arcieri, guerrieri, eroi, zombie, e così via).

Orkworld

Orkworld è un gioco di ruolo incentrato sulla figura degli orchi. La società degli orchi di Orkworld è matriarcale. In questa ambientazione, gli orchi si devono difendere dalle aggressioni dei crudeli umani, degli elfi e dei nani.

Palladium Fantasy

Nel gioco di ruolo Palladium Fantasy, gli orchi seguono lo stereotipo dello stupido-ma-forte. Spesso sono asserviti da altre creature.

Gothic

Nella serie di videogiochi Gothic, gli orchi ricoprono un ruolo fondamentale. La serie è incentrata sulla guerra tra gli orchi e l'impero di Re Rhobar II. In Gothic gli orchi sono delle creature provenienti dal Nord, abili guerrieri e fabbri che riescono a conquistare il regno di Myrthana, mettere in schiavitù gli abitanti e stringere dei patti con gli abitanti del deserto. Sono divisi in categorie (Esploratori/Guerrieri, Sciamani, Elite e Capi) e dimostrano di avere una buona intelligenza (possono commerciare e istruire il nostro personaggio). Hanno un forte senso patriarcale e nutrono profondo rispetto per i forti guerrieri di qualsiasi razza.

Heroes of Might and Magic IV & V

In Heroes of Might and Magic IV, videogioco strategico a turni e quarto titolo della serie Heroes of Might and Magic, sono rappresentati come creature antropomorfe, dal viso simile al grugno di un cinghiale, del primo livello dell'allineamento Caos.
  • Nel 5º episodio invece vengono introdotte dall'espansione "Tribes of the East" ma sono stati ripresi da "Dark Messiah of Might and Magic"(che ha ispirato tutta la nuova espansione),sempre con caratteristiche "cattive", ma onorevoli per quanto riguarda la guerra e nemici dei Demoni almeno quanto i Negromanti, nonostante siano mezzi demoni e mezzi umani.

Film

Gli orchi compaiono anche nei film come nelle 4 sequele di ShrekLe Cronache di NarniaUn ponte di Terabithia e il Signore degli Anelli.

Creature analoghe

Numerose ambientazioni fantasy comprendono creature più o meno evidentemente ispirate agli orchi della Terra di Mezzo, ma identificate con nomi diversi. Nel ciclo di Shannara di Terry Brooks, per esempio, gli gnomi sono creature deformi e crudeli, dalla pelle giallastra, che costituiscono le vaste schiere dell'esercito del male. Nell'universo fantasy del gioco di ruolo Hârn, e nei giochi correlati creati da N. Robin Crossby, i Gargûn sono una razza di mostri chiaramente ispirati agli orchi della Terra di Mezzo. Sono esseri pelosi, bassi e brutali.
Al di fuori del contesto fantasy, lo stereotipo dell'orco tolkieniano si può presumibilmente considerare come uno dei modelli che hanno contribuito alla definizione della razza dei klingon nell'universo di Star Trek (soprattutto nella serie classica, in cui i klingon venivano rappresentati come esseri sostanzialmente malvagi e violenti).

I Goblin

Caratterizzati da una bassa statura, erano accusati di rapire durante la notte donne e bambini, sostituendo questi ultimi con i propri mostruosi figli,e di fare l'amore con le donne per riprodurre creature non troppo orribili. Talvolta compaiono sotto forma di animali, il che rispecchia la loro natura bestiale. I goblin sono tentatori e usano sovente i frutti proibiti del regno delle fate per attirare le loro vittime. Vivono spesso in grotte sotterranee.
I goblin sono rappresentati come piccole creature umanoidi dalla pelle marroncina, ma che può variare dall'arancio al rosso scuro, e dai lineamenti appuntiti. Spesso cavalcano mostruosi pipistrelli divertendosi a lanciare zucche marce alle povere vittime.
La loro forza risiede nel numero, poiché essendo poco robusti e alquanto bassi non dispongono di grande potenza se presi singolarmente.

Fantasy odierno

Inizialmente i goblin erano semplici folletti, spiritelli maliziosi che si dilettavano nel burlarsi e nel raggirare gli ingenui individui che entravano in contatto con loro, ma con il trascorrere del tempo e l'ampliamento cognitivo e interpretativo di questo concetto, il loro aspetto originario è stato deformato e distorto, con il risultato riscontrabile adesso.
Nel fantasy odierno i goblin rivestono un ruolo fondamentale, costituendo una delle specie più sintomatiche forse solo assieme agli elfi, gli unici che possono esservi equiparati per importanza e fama. L'aspetto del goblin di odierna concezione è abbastanza semplice e convenzionale: sono ancora umanoidi di bassa statura, prevalentemente esili e rachitici, ma altre volte anche dotati di estrema forza fisica. Il naso è camuso, o, il più delle volte, adunco e prominente; le orecchie sono appuntite, come quelle degli elfi, ma talvolta flosce e molto lunghe, mentre il cranio è complessivamente compresso e gli occhi non sono sormontati dalle sopracciglia. Il colore della pelle può invece variare dal verde, al rosso, al marrone.
Quasi tutte le fonti attendibili dipingono i goblin come esseri crudeli, barbarici e poco civilizzati, creature spesso fetide e poco apprezzate dalle altre razze che popolano lo sconfinato universo folkloristico e fantastico. Sebbene in alcuni ambiti siano considerati molto inclini alla creatività e all'ingegno, anche al livello emotivo, cedono volentieri all'impeto e alle passioni, prediligendole quindi ad un raziocinio maggiormente ponderato e alle decisioni sofferte.
Nel fantasy odierno sono raffigurati in modi diversi, con caratteristiche diverse: il corpo può essere esile e verdognolo ma anche tozzo e giallognolo. Ogni cultura descrive i vari modi di uccidere o di catturare queste creature: secondo alcune si usano frecce di legno di quercia, secondo altre cipolle, sale o pomodoro. Altre ancora parlano di cose macabre come cavare gli occhi per eliminare l'anima impura.

Nei media


Un goblin
I goblin fanno ormai parte dell'immaginario fantasy e sono massicciamente presenti anche nella cultura massmediatica:

  • L'Uomo Ragno ha molti avversari che hanno preso l'identità del suo avversario chiamato Goblin (nell'originale, in ingleseGreen Goblin), che indossa una maschera verde, viaggia su un aliante a forma di pipistrello, un dispositivo volante e utilizza come arma delle zucche esplosive, nonché la sua storica nemesi.
  • Nel gioco di ruolo Dungeons & Dragons sono mostri estremamente deboli, stupidi e pericolosi solo in gran numero.
  • Nel gioco di ruolo Gothic i goblin sono piccoli animali verdi. Codardi e veloci, vivono in gruppo e presentano una primitiva intelligenza.
  • Nel film fantasy Labyrinth - Dove tutto è possibile sono guidati da un mago, il re dei Goblin (interpretato da David Bowie) e tormentano una ragazza.
  • Nel B-movie Troll 2 i goblin sono i principali antagonisti della storia.
  • Nella saga di Harry Potter i goblin (termine solitamente tradotto in "folletti") sono i custodi della banca dei maghi Gringotts e hanno sovrannaturali capacità di forgiare i metalli e rendere speciali le loro lavorazioni; sono anche coinvolti in una serie di scommesse poco pulite con Ludo Bagman.
  • Nei videogiochi della serie Warcraft i goblin sono dei piccoli esseri verdi avidi, intelligenti e versati nell'ingegneria.
  • Nel gioco di carte collezionabili Magic: The Gathering sono sempre piccoli e verdi, o più raramente rossicci, ma la loro capacità di semplice ragionamento lascia molto a desiderare. Questa loro peculiarità ha fatto sì che la maggior parte delle carte riguardanti i goblin sia a carattere umoristico, spaziando dalla loro incredibile forza numerica all'incapacità di compiere la più semplice delle deduzioni (come capire qual è la punta e qual è il manico di una lancia).
  • Nel wargame tridimensionale Warhammer Fantasy, i Goblin sono una razza dalla pelle verde, spesso alleata con gli Orchi.
  • Nel RPG Fantasy Sacred: La leggenda dell'arma sacra i goblin compaiono come una razza di cui fanno parte appunto i goblin, gli orchetti e gli orchi. Sono caratterizzati da un'intelligenza limitata e da una natura bellicosa. Sono pericolosi soprattutto in gruppi.
  • L'albo n. 45 della serie regolare del fumetto italiano Dylan Dog si intitola Goblin ma tratta l'argomento indirettamente. Nell'albo appunto, si sospetta che il folletto assassino sia in realtà un Homunculus, creato da un ricercatore sulla ricetta alchemica di Paracelso ma lo scopo finale della storia raccontata è una denuncia sulla vivisezione (il "Goblin" assassino del titolo, è in realtà un maschio di scimmia che uccide per vendicare la compagna vivisezionata).
  • Nel film Il Signore degli Anelli sono alleati del Nemico, Sauron, e infestano la città sotterranea dei Nani di Moria. Sono rappresentati come brutti orchi bassi e malformati.
  • Nel film Spiderwick sono creature maligne alleate con il signore del male, Mulgarath.
  • Nel gioco Woodruff and the Schnibble of Azimuth il protagonista, Woodruff, è un Goblin.
  • Nel videogioco/puzzle game della CoKtel Vision Gobliiins (1991) e nei suoi successori (Gobliins 2, Goblins 3 e Gobliiins 4), appaiono como creature simpatiche e impacciate, impiegate nel tentativo di salvare il proprio sovrano vittima dell'incantesimo voo-doo di un mago maligno o a risolvere folli enigmi di ogni tipo.
  • Negli Ep.110-111 (ita) 104-105 (jap) della terza serie del cartone animato Detective Conan, il nome richiama al nome della banda di malviventi e come figura sono presenti sotto forma di statuina: tre goblin che escono da un particolare orologio a cucù al centro dell'indagine.
  • Nel videogioco Clash of Clans si affrontano i villaggi dei goblin nella campagna di giocatore singolo, ma è possibile addestrare i goblin anche nelle proprie caserme. Sono truppe di terra estremamente veloci, che hanno come bersaglio preferito le risorse nemiche (oro ed elisir), verso le quali i loro attacchi aumentano di intensità.
  • Nel videogioco Styx master of shadows il protagonista Styx appunto è un Goblin, ladro, maestro dello Stealth e delle uccisioni silenziose.
  • Nel videogioco Clash Royale sono presenti le truppe: goblin, goblin lancieri, barile goblin, capanna goblin, goblin cerbottanieri e gang di goblin.

Ogre (Warcraft)

Gli ogre sono una razza dell'universo di Warcraft creato da Blizzard Entertainment. Vengono introdotti fin dal primo capitolo della saga, Warcraft: Orcs & Humans, e ripresi in tutti i videogiochi successivi così come in molto altro materiale della serie.

Troll (mitologia)

Il troll (o trold), nella mitologia scandinava, è una creatura umanoide che vive nelle foreste dell'Europa settentrionale.
La figura del troll ha avuto ampia diffusione anche all'interno della tradizione folcloristica anglosassone, probabilmente in seguito alla prolungata presenza norvegese nelle Isole Orcadi e Shetland.
rattandosi di una figura evolutasi in un contesto di tradizioni orali e grande dispersione geografica, le caratteristiche fisiche e comportamentali del troll non sono codificate con precisione. Normalmente è descritto come una creatura ruvida, irsuta e rozza, dotata di un grosso naso e di una coda dal folto pelo e con solo quattro dita per ogni mano o piede.
In linea di massima, a seconda del filone folcloristico di provenienza, è possibile identificare due tipi di troll: uno di dimensioni gigantesche e dal comportamento maligno (simile a un orco) e uno di dimensioni umane e dal comportamento benevolo. Si racconta che i troll rubino i bambini alle famiglie mentre dormono e mettano nel letto un Changeling, oppure un cucciolo di troll. Questa era normalmente la giustificazione che si dava alla nascita di figli deformi. Per i norvegesi, invece, i troll hanno il vizio di molestare i caproni e non sopportano il suono delle campane[1].
Alcune caratteristiche attribuite ai troll:
  • quando è colpito dalla luce del sole diventa di pietra: dunque si muove solo di notte o nella foresta più fitta
  • ha un carattere il più delle volte malvagio oppure buono ma birichino
  • ha un aspetto orripilante (anche con due teste) e può diventare molto violento
  • solo i bambini possono vederlo
  • solitamente condivide con altri esemplari le caverne naturali presso dei corsi d'acqua che utilizza per bere
  • può essere molto puzzolente
I troll scozzesi si chiamano trow e sono bassi, invisibili e notturni.

Nella letteratura

Peer Gynt

Nell'opera di Ibsen Peer Gynt, i trold sono creature simili agli umani ad eccezione della coda, della statura e del fatto che possono cambiare forma. Nella mitologia norrena si dice che i bambini stupidi degli umani siano in realtà piccoli troll scambiati nella culla.

Il Signore degli Anelli

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Troll della Terra di Mezzo.
Nella tradizione tolkeniana, il troll (o "Vagabondo delle Montagne", secondo la prima traduzione in italiano) è una creatura rozza e malvagia, dedita alla distruzione dei villaggi, al furto del bestiame e alla cattura di incauti viaggiatori, che vengono poi spesso cucinati.
Il punto debole di queste creature è la luce solare; infatti se vengono colpiti dai raggi dell'astro si tramutano in pietra. I troll di Mordor invece, così come gli orchi, riescono, in virtù di un sortilegio di Sauron a marciare grazie all'oscurità innaturale prodotta da Mordor che protegge gli orchi e i Troll dai raggi del sole fino a Minas Tirith, al contrario degli Uruk-hai e degli Olog-hai che essendo incrociati probabilmente con uomini, riuscivano a marciare e a correre anche alla luce del sole.

I Troll Mumin di Tove Jansson

I Troll Mumin sono personaggi ideati dalla scrittrice finlandese Tove Jansson. Descritti come troll pacifici e altruisti, sono protagonisti di numerosi romanzi per bambini pubblicati dal 1945 al 1980.

Gary Gygax

Gary Gygax, ideatore dei giochi di ruolo fantasy, nella serie su Gord il miserabile, fa dei troll degli esseri altamente malvagi, capaci inoltre di rigenerarsi: Gord, trasformatosi in un felide, fa a brandelli un troll, ma nota che dopo un po' tali brandelli iniziano a muoversi l'uno verso l'altro al fine di ricostituire l'intera struttura dell'organismo del troll. L'unica maniera per ucciderli è bruciarli.

Mondo Disco

Nella serie fantasy-umoristica del Mondo Disco di Terry Pratchett, i troll sono creature senzienti fatte interamente di roccia (descritti dall'autore come forme di vita a base silicea invece che carbonica). Tradizionalmente in guerra contro i nani, un tempo i troll vivevano in natura ed erano visti come pericolosi mostri, ma adesso sono civilizzati e se ne trovano anche nelle grandi città del disco, come Ankh-Morpork, dove sono apprezzati come "uomini" di fatica per la loro resistenza e grande forza fisica. Possono apparire stupidi, ma in realtà ciò è dovuto ai loro cervelli a base silicea, che diventano inefficaci se surriscaldati (similmente a un computer). Per questo i troll preferiscono vivere in regioni fredde e condurre una vita notturna. Tutti i troll hanno nomi basati su rocce e minerali. Fra i più importanti personaggi troll della serie troviamo Detritus, sergente della guardia cittadina di Ankh-Morpork.

Harry Potter

Nel romanzo Harry Potter e la pietra filosofale il troll appare come una creatura di taglia enorme, pericolosa ma soprattutto stupida.
Buona sera, vecchio! Salutò il ragazzo, illustrazione del 1915 dello svedese John Bauer per la fiaba di Walter Stenström: Il ragazzo e i troll o l'Avventura